Invisible cities, ultimi appuntamenti

Il festival multimediale Invisible cities è arrivato all’ultima giornata di appuntamenti. Si inizia in mattinata, alle 10.30, con il ritrovo in via Petrarca, accanto ai giardini pubblici, per la partenza della passeggiata “Topografie della memoria”, museo diffuso e a cielo aperto dell’area di confine, una passeggiata storico-multimediale attraverso le memorie del Novecento goriziano. Alle 11 e in replica alle 16 nel cortile dell’ex ferramenta Krainer è in programma il laboratorio per bambini Heimat (casa), per riprodurre, pur nella finzione di un piccolo set teatrale, la stanza che i piccoli ritengono più rappresentativa, secondo criteri puramente affettivi, della loro casa. Alle 17, sempre in via Rastello, ritorna la performance M2 sulle vittime del mar Mediterraneo, e alle 19 in casa Ungerspach all’angolo tra via Ratello e piazza Cavour ritorna Memex. Alle 23, nel cortile dell’ex ferramenta Krainer, infine, in scena “Pece”, performance di danza e video liberamente tratta da “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare” di Sepulveda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *