Castello, in 4 mila alla rievocazione

Weekend affollato in borgo castello. Turisti e visitatori, comprese tantissime famiglie, hanno scelto di salire nel corso del weekend appena trascorso per non perdersi la rievocazione medievale “Al cospetto dei conti di Gorizia” che, secondo gli organizzatori, avrebbe richiamato ai piedi del castello e tra le sue splendide sale tra le 3.500 e le 4.000 persone da venerdì sera a domenica. Un successo innegabile, rappresentato come meglio non si potrebbe dalla folla che a ogni appuntamento con cavalieri, dame, falconieri, sputafuoco e giocolieri si radunava tra il cortile dei Lanzi e piazzale Seghizzi. «Il successo di queste due giornate e mezza è stato incredibile, stiamo già pensando a quali aspetti perfezionale per riuscire a migliorare e ingrandire l’edizione del prossimo anno» ha commentato Filippo Formentini, portavoce degli organizzatori, «i rievocatori arrivati da Ferrara e da Venezia hanno detto che il nostro castello è spettacolare, è un tesoro di cui anche i goriziani devono prendere coscienza. Manifestazioni come questa vanno potenziate perché fanno vivere il castello. E questo successo significa che il medioevo piace e per Gorizia rappresenta un veicolo per richiamare un volano turistico da non sottovalutare soprattutto per le famiglie. I bambini in questi giorni sono rimasti incantati davanti a cavalieri, dame e falchi, personaggi che toccano un immaginario fiabesco e ci fanno tornare indietro nel tempo». Alla rievocazione hanno partecipato complessivamente 140 rievocatori arrivati da tutto il Friuli Venezia Giulia e, come detto, anche dal Veneto e dall’Emilia Romagna. Tre le compagini goriziane: Arma Antica, Principesca Contea di Gorizia e Tamburini/Streetdrums. In chiusura, una nota negativa. L’apertura del castello era annunciata fino alle 19 di ieri. Noi ci siamo presentati all’ingresso alle 18.15. Tutto chiuso con tre quarti d’ora di anticipo, con una ventina di visitatori in attesa. Peccato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *