Camoscio a Doberdò

Se l’è ritrovato a pochi metri distanza e, sangue freddo, non ha perso tempo e impugnata la macchina fotografica lo ha immortalato. Le immagini che vedete in questa pagina sono state scattate da Dejan Bacicchi, che ringraziamo, nei pressi di Doberdò. A fargli da “insolito” modello per qualche minuto è stato un bellissimo esemplare di camoscio, che a quanto si è appreso pare si sposti di frequente tra le zone di Gradina e Casa Cadorna da una decina d’anni. Un esemplare che ha trovato tra le rocce del Carso il suo habitat, a una quota decisamente inusuale per un animale del genere. In verità, l’esemplare avvistato e fotografato da Dejan potrebbe appartenere a un branco di camosci che da tempo è stanziale sul nostro Carso. A caratterizzarli rispetto alle altre popolazioni di camosci sarebbe proprio l’attitudine a stabilirsi a quote nettamente più inferiori rispetto a quelle usuali. In particolare quella che ha deciso di stabilirsi sul Carso isontino sarebbe la popolazione di camosci stabilitasi alle più basse altitudini di tutto il Vecchio continente. Una piccola gemma della nostra già bellissima fauna locale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *