Il museo del Tredicesimo

Divise, pannelli, cimeli e vere e proprie rarità per ripercorrere la storia del Tredicesimo Reggimento Carabinieri “Friuli Venezia Giulia”, di stanza nella caserma Cascino di via Trieste. Un progetto, quello della nuova sala ricordi inaugurata negli ambienti dell’ex circolo ufficiali, che ha richiesto ben cinque anni di lavoro per raccogliere i cimeli e il materiale che stava prendendo polvere nei magazzini della caserma, al quale si sono aggiunte diverse donazioni da parte di collezionisti privati, come nel caso di Roberto Lenardon che ha donato alla sala ricordi del Tredicesimo dieci divise storiche complete. Una storia, quella che è possibile rivivere attraverso il percorso espositivo, che getta le radici nel XVII secolo, nel periodo delle Guerre Gradiscane, quando si stabilì in via Trieste, nella medesima area sulla quale oggi sorge la caserma Cascino, un accampamento degli Arciducali, dei quali sono stati ritrovati e si possono ammirare nelle sale di via Trieste alcuni brandelli di armatura. Nella stessa area si stabilirono anche i “Dragoni” del Kaiser durante l’impero Austroungarico, mentre tra la prima e la seconda guerra mondiale vi trovo posto il 3° Artiglieria Alpina della Julia. Arriviamo così alla fondazione del Tredicesimo, avvenuta in occasione della campagna d’Albania, per diretta discendenza dal Primo Reggimento che combatté sul Podgora, e del quale il Tredicesimo viene considerato erede araldico. Il Tredicesimo venne successivamente sciolto l’8 settembre 1943 e ricostituito nel 1947 per il clima tesissimo sul confine orientale. Nella sala ricordi sono anche esposti cimeli e divise delle missioni all’estero degli ultimi vent’anni, dall’Iraq al Kosovo, con un ricordo particolare a Manuele Braj, il carabiniere ucciso durante un attentato in Afghanistan nel 2012. Il museo è aperto al pubblico su prenotazione, e sarà proposto nei prossimi mesi anche alle scolaresche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *