Il “mestri” del legno

È definito in vari modi,”presepiaro”, “presepista”, “presepiologo”, per noi sinceramente riduttivo. Parliamo del nostro amico Sergio Pacco, grande cultore delle tradizioni friulane che collabora con “Foglio Goriziano” regalandoci chicche d’altri tempi, proverbi e detti popolari sempre attuali e interessanti. In realtà è uno dei massimi esponenti della scultura lignea friulana. Le sue opere, prevalentemente di natura religiosa, si trovano in collezioni pubbliche e private in Italia e all’estero. Ma anche “presepiaro” come a volte lo definiscono: gioiellini ovviamente ricavati dal legno che espone, assieme ad altri artisti, un po’ ovunque in Regione e fuori Regione. Tra l’altro è l’ideatore della prima carta geografica dei presepi del Friuli Venezia Giulia. E da anni organizza anche rassegne e mostre dei presepi in Italia e all’estero, e partecipa a simposi di scultura e mostre varie, raccogliendo vasti consensi e interesse. Un uomo friulano d’altri tempi, poliedrico, convinto assertore e promotore della valorizzazione di una cultura friulana che sopravvive grazie a personaggi come il nostro “mestri” che punta al rilancio anche attraverso la sua arte. Un patrimonio immenso il suo “sapere”, la sua arte e le sue opere che sinceramente riempiono l’anima e fanno fare un gioioso tuffo nel passato. Sergio poliedrico, dicevamo. Infatti ha debuttato anche come scrittore “fai da te”, come si definisce con il libro “Martino ti racconto”. E oltre che con il legno si è cimentato pure con il bronzo, realizzando medaglie per i vari gemellaggi. Artista completo, dunque, e da scoprire in tutte le sue sfacettature.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *