Grandi terme, ripresi gli scavi

Ripresi ad Aquileia gli scavi condotti dal dipartimento di Studi umanistici e del patrimonio culturale dell’Università di Udine sul sito delle Grandi Terme costantiniane. In questa seconda fase di attività è previsto un intervento di restauro, prima tappa delle attività di conservazione e valorizzazione, che progressivamente restituiranno sul terreno la pianta delle Grandi Terme e la disposizione dei loro vasti saloni. Grandi Terme costantiniane che, con i loro 25 mila metri quadrati di estensione, sono uno dei più vasti impianti termali pubblici dell’Italia settentrionale romana. Con questo intervento verrà riportata alla luce la forma della trincea dove correva il muro di separazione tra i saloni del frigidarium e del calidarium e sarà ripristinato il contenimento dei pavimenti a mosaico a motivi geometrici in pietra e cotto, appartenenti all’ultima fase della vita delle terme tra la fine del IV e il V secolo d.C. Ma non sarà solo questa la zona interessata dai lavori, in quanto un’altra zona di scavo è situata 150 metri più a nord. All’interno di questa zona sono state rinvenute ben tre fasi sovrapposte. Di queste quella più antica, è una fontana-ninfeo monumentale, composta da vasche circolari e rettangolari, resti di una canalizzazione per l’approvvigionamento e lo smaltimento delle acque e un’estensione di almeno 180 metri quadrati. Lo scavo di quest’anno sta cercando di mettere completamente in luce i limiti della fontana per capire se essa appartiene alla prima fase di costruzione delle terme o se è addirittura precedente. Gli scavi comunque hanno portato alla luce tutta una serie di frammenti architettonici e scultorei a dimostrazione del lusso delle Grandi Terme aquileiesi: tra questi, una colonnina scanalata in marmo giallo antico, uno dei più costosi dell’antichità, che proveniva dall’Africa settentrionale, e un frammento di una statua femminile, probabilmente una Venere al bagno, copia romana di un originale greco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *