Scuola, precari senza stipendio

Il personale precario della scuola pubblica, docenti e Ata, attendono ancora la paga di settembre. A denunciarlo è il segretario regionale della Flc-Cgil, Adriano Zonta, in una lettera inviata al prefetto di Trieste, che è anche commissario di Governo per il Fvg, fatta arrivare anche alla Regione e all’ufficio scolastico. “Il problema che non riguarda solo il Fvg -scrive Zonta- è già stato più volte segnalato dai sindacati al ministero, ma senza alcun esito. Infatti lo scarico di responsabilità in atto tra i ministeri competenti, istruzione e tesoro, e il gestore del sistema informatico ha determinato lo stallo. Il personale precario, quindi, continua a lavorare affrontando pesanti difficoltà economiche”. Il tutto, sottolinea la Cgil, “a dispetto della tanto declamata sburocratizzazione. La riorganizzazione del pubblico impiego, anche nella scuola, presenta evidenti e gravi limiti”. La Cgil, infine, rivolge al prefetto un accorato appello “affinché venga risolta questa grave situazione e sia riconosciuto il giusto salario a chi opera nella scuola, per la dignità dei lavoratori e dell’istruzione pubblica, oltre che per eliminare all’origine il rischio che si aggravi un disagio sociale già pesante”. Ennesimo esempio, dunque, che il ritornello del “stai sereno” è più che mai fuori luogo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *