I bimbi della Protezione civile

Duecento bambini degli asili e delle scuole elementari della nostra città a lezione insieme alla Protezione civile. Sono stati loro i piccoli protagonisti della prima edizione della finale dei “Giochi con la Protezione civile”, disputati sul campo di atletica leggera “Fabretto” in Campagnuzza e che hanno coinvolto nove classi delle scuole elementari, tre asili, una ventina di insegnanti, dieci lavoratori di pubblica utilità per l’allestimento dei tracciati, e venti volontari della Protezione civile di Gorizia. Accanto a loro, gli uomini dell’Arma dei Carabinieri, della Forestale di Gorizia, della Guardia di finanza, dei Vigili del fuoco e, da oltre confine, i “Gosilci” e il comando della Protezione civile di San Pietro. Insomma, tutte le squadre che compongono il sistema della Protezione civile, rappresentato ieri anche dal direttore regionale Guglielmo Berlasso. Il torneo, che ha visto i bambini cimentarsi in tre diverse attività di simulazione di emergenze, dai “Pompieri in erba” alle evacuazioni, sempre con lo spirito di un gioco, ha di fatto concluso un percorso che negli ultimi due mesi ha portato i volontari della Protezione civile nelle classi delle nostre scuole per illustrare i rischi del nostro territorio, verificare le misure di sicurezza nei singoli edifici e far salire i bambini sui mezzi di soccorso. “Questo progetto è un investimento sul futuro -ha commentato il responsabile comunale della Protezione civile Salvatore Gambitta- perché l’obiettivo è quello di formare nuovi cittadini informati”. “La prevenzione -ha concluso Gambitta- dev’essere infatti il nostro principale obiettivo, il soccorso invece soltanto l’ultimo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *