Sold out per la coppia Fullin-Reggio

Tutto esaurito al Teatro Verdi di Gorizia per “Le basabanchi”, l’irresistibile spettacolo di Alessandro Fullin con la travolgente Ariella Reggio, proposto fuori abbonamento, è stato salutato dal pubblico con applausi scroscianti. Lo sgangherato convento triestino in cui più di qualcuno va a cercare asilo, dopo l’8 settembre 1943, ha divertito e appassionato gli spettatori. Sarà invece Play Strindberg il primo appuntamento di Prosa della stagione artistica 2017/2018, mercoledì 8 novembre alle 20.45. Il testo di Friedrich Dürrenmatt, tratto dal capolavoro strindberghiano “Danza macabra”, vedrà in scena nomi di rilievo sia in ambito teatrale che cinematografico: Maria Paiato, Franco Castellano (originario di San Vito al Tagliamento) e Maurizio Donadoni, diretti dal regista Franco Però. Il progetto produttivo del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia intende focalizzare l’attenzione sul tema della famiglia, ricorrendo appunto ai grandi “analisti” del teatro del Novecento, al loro sguardo lucido sulla realtà, alla loro capacità di presagire e di parlare anche al nostro tempo. Tre i protagonisti, ovvero il capitano, la moglie e il cugino/amante che ritorna, posizionati sotto le luci glaciali di un ring. Ne derivano undici round, intervallati dai gong, proprio come un incontro di boxe o di lotta. Tutta l’essenza del testo originale rimane, ma Dürrenmatt ne esalta l’attualità, asciugando fin dove è possibile il linguaggio come in un continuo corpo a corpo, che solo il gong ferma per qualche istante, dando ai contendenti il tempo di un riposo per riprendere fiato e agli spettatori l’attimo di riflessione su quanto hanno visto. Il riso e il pugno allo stomaco, il sorriso e l’amarezza si alternano continuamente su questo palcoscenico-ring, riportando davanti agli occhi dello spettatore gli angoli più nascosti di quel nucleo, amato od odiato, ma fondamentale delle nostre società: la famiglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *