Le uniformi a Palmanova

Da Gorizia a Palmanova. Dopo aver portato migliaia di visitatori a palazzo Coronini negli ultimi mesi, la mostra “Uno stato in uniforme, la società goriziana e l’impero asburgico alla vigilia della Grande Guerra”, organizzata dai nostri amici del gruppo di ricerca storica “Isonzo” in tandem con la fondazione “Coronini”, si prepara a lasciare la nostra città. L’esposizione, che prima dello scorso weekend ha visto staccati più di tremila biglietti, aveva lo scopo di far conoscere ai visitatori uno spaccato della vita a Gorizia nei primi anni del secolo scorso, quando i nostri concittadini erano ancora sudditi dell’imperatore Francesco Giuseppe. Il presidente dell’associazione “Isonzo” Bruno Pascoli, ha così commentato la riuscita dell’evento espositivo: “Sono rimasto molto contento per i tanti visitatori provenienti dalle regioni vicine alla nostra come Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna e la continua presenza di turisti dall’Austria per tutto il periodo della mostra che, soprattutto nel periodo estivo, hanno potuto ammirare sia la villa che l’esposizione. Soddisfazione anche per il fatto che i visitatori abbiano fatto un passaparola con parenti e amici, in modo da far arrivare sempre più persone. Ho apprezzato l’iniziativa dell’apertura gratuita ai goriziani durante il sabato e la promozione fatta presso le scuole, che ha portato centinaia di ragazzi delle medie e delle superiori. Inoltre hanno avuto un ottimo successo le visite guidate, pressoché settimanali, tenute dai soci del gruppo”. Ora la mostra, in una forma più raccolta e maggiormente incentrata sulle popolazioni di questi territori inquadrate nei ranghi dell’esercito austro-ungarico, si trasferisce a Palmanova presso il Palazzo del Governatore delle Armi in Piazza Grande 21 e sarà inaugurata il 4 novembre alle 11 e resterà visitabile sino all’ 8 dicembre prossimo nelle giornate di venerdì, sabato, domenica e lunedì dalle 9 alle 12.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *