Klimt, in arrivo nuove opere

Un fine settimana speciale nel museo di Santa Chiara. Le sale di corso Verdi dove è allestita la mostra “Nel segno di Klimt”, accoglierà domenica pomeriggio la visita da parte della terza moglie, 94enne, di Gustav Ucicky, figlio illegittimo di Gustav Klimt, fondatrice della Gustav Klimt Foundation, proprietaria di un museo sull’Attersee. La giornata di domani sarà invece caratterizzata dalla conferenza “Benvenuti nel mio salotto!” sulla figura della giornalista Berta Zuckerkandl, il cui salotto viennese fu un crocevia di personalità straordinarie e di discipline che si incontravano e si fecondavano a vicenda: Freud e la sua psicoanalisi nascente, Johann Strauss e i suoi valzer, Arthur Schnitzler e i suoi romanzi, Klimt e i suoi quadri luminosi e straordinariamente innovativi, e poi anatomisti, chirurghi, psichiatri, biologi, giornalisti, tutti a discutere e a scambiarsi idee nel salotto di Berta, spesso invitati a una Jause, tipico appuntamento pomeridiano viennese a base di caffè e pasticcini. La rassegna “Nel Segno di Klimt”, pronta a prolungare fino a fine maggio la sua permanenza nelle sale di Santa Chiara e ad accogliere nuove opere risalenti al primo dopoguerra e delle avanguardie, ospitando così anche opere di autori sloveni, resterà aperta ogni venerdì, sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *