Il patrimonio di Basaglia

Recuperare e riordinare l’archivio dell’ex Ospedale psichiatrico di Gorizia. Un progetto, quello de “La memoria restituita”, presentato già lo scorso luglio dall’Azienda sanitaria e dalla Provincia, e che ora ha trovato l’appoggio anche da parte della Regione. Ieri infatti gli archivi di via Vittorio Veneto sono stati visitati dall’assessore regionale Loredana Panariti, in città come vi abbiamo raccontato nel pezzo di apertura in occasione del primo giorno di scuola. L’intervento della Regione, si legge in una nota, sarà “mirato per il collocamento al lavoro di persone affette di diverse disabilità”. “E allo stesso tempo -ha detto Panariti- intende favorire il recupero di un patrimonio scientifico e culturale importante non solo per Gorizia ma per l’intera comunità medica nazionale e internazionale”. Negli spazi dell’ex ospedale psichiatrico della nostra città nacque e maturò l’esperienza di Franco Basaglia, che qui “iniziò a immaginare -ha ricordato l’assessore- quel percorso che andava a considerare chi era ospitato in un ospedale psichiatrico veramente una persona”. Il progetto, avviato in collaborazione con la cooperativa sociale “La Collina”, riguarderà il recupero e la pulizia del materiale presente in archivio, datato fino al 1933, dai registri alle cartelle cliniche, circa 10 mila secondo le prime stime, e in gran parte corredate da immagini delle persone ricoverate, fino agli appunti e ai documenti manoscritti di Basaglia. Successivamente saranno attivate le fasi di catalogazione e possibile digitalizzazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *