Folklore, tutto pronto

Quattro giorni all’insegna di colori, tradizioni, musiche e coreografie da tutto il mondo. Si aprirà giovedì la 47esima edizione del festival del folklore di Gorizia, che da dopodomani porterà in città un fiume di oltre quattrocento persone tra ballerini, sbandieratori, strumentisti, cantanti e accompagnatori. I primi appuntamenti sono infatti in programma già giovedì, dando seguito al successo ottenuto un anno fa dagli spettacoli itineranti. A partire dalle 18, una selezione degli otto gruppi presenti quest’anno al festival (Montenegro, Benin, Svizzera, Estonia, Sri Lanka, Cile, Spagna e Italia) si esibirà tra i giardini pubblici di corso Verdi, la zona pedonale di via Garibaldi e piazza Sant’Antonio, raggiungendo infine il palco di piazza Cesare Battisti per cenare insieme nell’ambito della rinnovata “Festa dell’amicizia”. Venerdì sera i riflettori sul palco di piazza Cesare Battisti si accenderanno alle 20.30 per il concerto dell’orchestra civica di fiati “Città di Gorizia”, diretta dal maestro Giorgio Magnarin, che anticiperà l’accensione del tripode dell’amicizia e le esibizioni dei gruppi. Sabato all 9 nella sala “Dora Bassi” di via Garibaldi si rinnova l’appuntamento con il congresso di tradizioni popolari, quest’anno sul tema “Pellegrinaggi tradizionali, fede e folklore”, e dalle 20.30 seconda serata di esibizioni. Domenica la mattinata ai giardini pubblici sarà allietata dal concerto della banda di Lienz, che guiderà la mini-sfilata lungo corso Verdi. La sfilata partirà alle 17, come sempre dalla chiesa di San Giusto fino a piazza Cesare Battisti, e coinvolgerà circa 450 persone tra gli otto gruppi del festival, la banda di Lienz, gli sbandieratori di Valvasone e i gruppi folkloristici del Friuli Venezia Giulia e della Slovenia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Folklore, tutto pronto"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *