Folklore, conto alla rovescia

Festival che vince non si cambia. L’edizione numero 47 del festival del folklore di Gorizia scalda i motori in vista delle quattro giornate che animeranno la nostra città l’ultimo weekend di agosto. Con un piacevole prologo già il giovedì. Sulla scorta del successo di un anno fa e del gradimento dimostrato dal pubblico goriziano, l’organizzazione del festival ha deciso di riproporre la mini tournée di appuntamenti pre-serali insieme ai gruppi, che giovedì 24 agosto si esibiranno a cominciare dalle 18 in diverse location del centro storico, da via Garibaldi ai giardini pubblici, fino a piazza Sant’Antonio, per ritrovarsi alle 21 in piazza Cesare Battisti dove tutti insieme danzeranno e incontreranno il pubblico per la grande festa dell’amicizia. In tutto, i gruppi attesi a Gorizia per il festival sono quest’anno otto, e arriveranno da Montenegro, Estonia, Spagna, Svizzera, Benin, Sri Lanka, Cile e Italia, che stavolta sarà rappresentata dal gruppo Angilla e Trasimeno di Castiglione del Lago, in provincia di Perugia. Agli appuntamenti della domenica mattina ai giardini pubblici saranno presenti anche gli sbandieratori di Valvasone e la banda di Lienz. Tra le novità di quest’anno, l’orario di partenza della parata folkloristica della domenica, giunta alla sua 53esima edizione. I gruppi inizieranno a sfilare dalle 17 da piazzale Umberto Saba fino a piazza Cesare Battisti, attraversando corso Italia, corso Verdi e via Petrarca. Alla parata seguiranno le premiazioni e il galà con l’esibizione di tutti i gruppi. Nel pomeriggio, alle 15.30, il pubblico potrà assistere al bis del concerto della banda di Lienz e dello spettacolo degli sbandieratori di Valvasone al parco della Rimembranza. Le serate in piazza Cesare Battisti inizieranno alle 20.30. La giornata di sabato sarà dedicata anche al 43esimo congresso di trazioni popolari, alle 9 nella sala Dora Bassi in via Garibaldi, quest’anno sul tema “Pellegrinaggi tradizionali, fede e folklore”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Folklore, conto alla rovescia"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *