“Filologica Friulana”, tanti auguri

Forse in pochi lo sanno: la “Società Filologica Friulana”, nacque 96 anni fa proprio a Gorizia. L’assemblea costitutiva, infatti, si svolse nel nostro Municipio il 23 novembre 1919, e la società venne intitolata al noto glottologo goriziano, Graziadio Isaia Ascoli, al quale è dedicata anche una via della nostra Città. Tra i promotori pure Ugo Pellis, e tra i presenti all’assemblea altri nomi che hanno scritto la storia di queste terre, come Ervino Pocar, monsignor Luigi Fogar, e altri che troverete più sotto nel pezzo, rigorosamente in friulano, che la “Filologica Friulana” ha postato oggi sul proprio sito web per ricordare la ricorrenza. Un capitolo di storia di queste terre che non deve essere dimenticato.

Ai 23 di Novembar dal 1919, tal Municipi di Gurize, si de adun la Assemblee Costitutive de Societât Filologjiche Furlane. E scomençà cussì la storie di une socie che, di novante agns incà, e je protagoniste de vite culturâl furlane, in gracie de sô produzion sientifiche, didatiche e divulgative intense, massime tai setôrs de lenghistiche. Cun chê Assemblee e scomençà ancje une grande aventure umane là che e àn vude part cetantis gjenerazions, une daûr chê altre, che a àn puartât indenant une tradizion di cordialitât e di rispiet dai valôrs de furlanetât. I promotôrs di chê riunion storiche a forin il lenghist Ugo Pellis, che al à vût il merit di meti in pîts e di puartâ indenant la iniziative, il storic de leteradure Bindo Chiurlo e il cont Giovanni Battista Della Porta. A jerin presints ancje Dante Vecchi, Luigi Pettarin, Antonio Caldini, Carlo Battisti, Ervino Pocar, Giovanni Lorenzoni, Emilio Turus, Emilio Mulitsch, Piero Bonne, Luigi Girardelli, Romano Roman, Giovanni Cumin, Rodolfo Zorzut, Eugenio Simonutti, Alberto Michelstädter, Vincenzo Marussig, Giuseppe Rovere, Antonio Del Piero, Ambrogio Roviglio, Francesco Musoni, Ercole Carletti, Domenico Del Bianco, Giuseppe Del Bianco, Alfredo Lazzarini e Antonio Gasparini. Si derin in note te Societât ancje bons. Luigi Fogar (che po al deventà vescul di Triest-Cjaudistre) e Bonaldo Stringher (governadôr de Bancje di Italie).
Te riunion si sielzè come president Giovanni Lorenzoni. Ae Societât si metè il non dal innomenât glotolic gurizan Graziadio Isaia Ascoli e si stabilì che la sô sede e jere a Udin.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *