Capitale cultura, vertice transfrontaliero

Vertice transfrontaliero sulla candidatura di Gorizia e Nova Gorica a capitali europee della cultura nel 2025. Le amministrazioni comunali delle due città si sono incontrate attraverso l’assessore alla cultura e al turismo del capoluogo isontino, Fabrizio Oreti, e la sua omologa slovena, Ana Zavrtanik Ugrin, referente alla cultura e vicesindaco della giunta Arcon. «Ritengo sia importante instaurare sin da subito dei buoni rapporti con le amministrazioni e istituzioni del territorio» ha spiegato Oreti, «perché la sinergia d’intenti fa la differenza per poter migliorare le nostre comunità». Il rapporto con l’amministrazione comunale di Nova Gorica, in questo contesto, per Oreti assume un’importanza ancora maggiore alla luce dell’ipotesi di candidatura transfrontaliera a capitale europea della cultura. «L’incontro è stato proficuo e positivo» ha aggiunto Oreti, «abbiamo espresso entrambi degli intenti di massima per valorizzare al meglio le nostre città attraverso la cultura. Abbiamo la fortuna di vivere e rappresentare un territorio unico nel suo genere, e siamo consapevoli che a questo privilegio debba corrispondere il dovere di valorizzarlo nel migliore dei modi». Passando al tema del turismo, legato ai settori della cultura e della storia, la riflessione dei due assessori è passata attraverso il piazzale della Transalpina. «Se un tempo rappresentava la guerra fredda» ha detto Oreti, «ora è espressione della porta dell’Europa. Non tutte le città hanno un valore storico culturale simile, a noi spetta farlo conoscere. Sono già stati individuati alcuni argomenti ed eventi che sarà importante approfondire e per questo, subito dopo ci rivedremo subito dopo l’estate. Sarà il momento per conoscere e condividere i documenti per la candidatura delle nostre città come capitali della cultura».

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *