Voglia di battere i campioni

L'ultima sfida finì 1 a 1.
L'ultima sfida finì 1 a 1.
L’Udinese ha voglia di battere i campioni d’Italia della Juventus per dimostrare anche ai più scettici di non essere una squadra meno competitiva di quella vista nelle ultime stagioni.
Ma le novità più grosse arrivano dai piemontesi, sulla cui panchina sederà Massimo Carrera, sostituto di Conte per le note vicende. Per il Friuli, la Juve ritrova Buffon e Caceres, assenti nell’ultima parte di pre-campionato e all’esordio contro il Parma. Con loro, farà ritorno sul campo di Udine anche Asamoah, passato in estate dall’Udinese alla Juve. Non convocato, invece, l’altro ex di turno, Mauricio Isla, come dovrebbe essere per l’ultimo acquisto della Juve, Niklas Bendtner.
L’Udinese scenderà in campo con ben poche modifiche di formazione rispetto ai primi impegni stagionali, che però non hanno ancora portato i frutti sperati. Confermatissimo Brkic tra i pali, con il classico 3-5-1-1 di Guidolin che ancora non cambia interpreti. Unica variante in attacco, dove il walzer interno di punte porta il colombiano Muriel a fianco di Totò. La coppia che in estate molti tifosi sognavano. Arbitrerà Valeri, fischio d’inizio alle 18 di domenica.
Infine, si è conclusa la finestra estiva di calciomercato, che ha visto arrivare a Udine, in extremis, la punta svedese Mathias Ranegie, classe 1984. Un armadio di 1 metro e 96 per 91 chili, che ha firmato per 5 anni. In uscita, le conferme dei prestiti al Watford di Neuton, Ekstrand, Forestieri e Fanchone, mentre è stato rescisso il contratto di Christian Obodo, che saluta Udine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *