Via Boccaccio, market quasi pronto

Via Boccaccio si prepara a entrare di diritto tra le strade del commercio goriziano. Viatico irrinunciabile per arrivare all’ambizioso traguardo sarà l’apertura ormai prossima del supermercato marchiato Coop, che sta sorgendo nell’area dove nel gennaio 2016 chiuse i battenti il Consorzio agrario, mettendo fin d’ora nel mirino i lavori di ammodernamento del mercato coperto e, dalla parte opposta della via, dell’ex mercato all’ingrosso. Se la prima parte della via, quella più vicina a corso Verdi, già brulica di locali, negozietti e altre attività commerciali, oltre ovviamente al mercato coperto, quella che si affaccia su via Cadorna dimostra qualche difficoltà in più nel tentativo di inserirsi con decisione nel tessuto commerciale del centro città. La nuova apertura imprimerà certamente un’accelerazione in questo senso. Un progetto a lungo termine, quello del recupero del triangolo supermercato-mercato coperto-mercato all’ingrosso, sul quale sarà chiamato a esprimersi il successore di Ettore Romoli sulla poltrona più ambita di piazza Municipio. Nel frattempo, proseguono a buon ritmo i lavori di costruzione del nuovo supermercato, che si estenderà per circa 1350 metri quadrati, di cui 920 destinati a ospitare gli scaffali del supermercato e i reparti di preparazione e vendita di frutta e verdura, salumi, carni e latticini, e 430 metri quadri destinati alle celle frigo e ai magazzini. Metrature decisamente diverse da quelle alle quali ci hanno abituati i grandi supermercati costruiti fuori dai confini del centro cittadini, ma giustamente in linea con quelle di un altro supermercato aperto di recente nella nostra città, la Despar di corso Verdi. I lavori dovrebbero concludersi nella seconda metà di luglio, ma dal cantiere non giungono indicazioni circa la data di apertura del supermercato, che potrebbe essere fissata in agosto, oppure, con un pizzico di pazienza in più, potrebbe aspettare fino a settembre per affiancarsi al weekend di Gusti di frontiera. Al primo piano della struttura sono stati ricavati anche gli spogliatoi e la mensa per il personale, mentre sulla copertura sono stati installati un impianto per l’energia solare e uno fotovoltaico. Il progetto ha previsto poi la realizzazione dei marciapiedi in repen della cava romana di Aurisina lungo tutto il perimetro tra via Boccaccio e piazzale Donatori volontari di sangue, oltre all’installazione di mattonelle “vintage”, realizzate con un macinato di pietre locali, sul breve marciapiede che separa l’ingresso dall’uscita del parcheggio. Una scelta che sembra piacere e che potrebbe essere adottata per lastricare il marciapiede della via fino all’incrocio con corso Verdi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Via Boccaccio, market quasi pronto"

  1. Oltre al cibo, si poteva pensare ad un mega centro sportivo, di quelli che offrono tutto, dalle 10 del mattino alle 22 della sera: palestre con corsi per tutte le età, sala attrezzi con istruttore, piscina, sauna e bagno di vapore, centro di bellezza ecc….
    Il benessere e la salute del corpo dovrebbe venire prima che quella degli appetiti e della gola….

  2. Così il parcheggio per gli utenti del mercato, quelli magari che ci vanno perché trovano frutta e ortaggi a km 0, non sarà più sufficiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *