Una storia interessante

A proposito dell’ordinanza antischiamazzi, e sulle polemiche relative ad un suo possibile ritiro, merita di essere raccontato questa piccolo infortunio che ci è capitato. Alle 7.58 di ieri sera (leggesi otto meno due minuti) stavamo seduti nella nostra utilitaria ad aggiornare questo prestigioso sito dal nostro poderoso Smart Phone in attesa della nostra avvenente fidanzata. Sulla nostra stereofonica autoradio stavamo ascoltando l’autorevole radio radicale che stava trasmettendo un’avvicente seduta della nostra democratica camera dei deputati. Parlava il funambolico ministro Calderoli che rispondeva ad un appassionante question time sulle modifiche al codice penale miltare. . Eravo fermi da meno di 5 minuti quando sono stato aggredito verbalmente da un signore (sic) in cannottiera che urlava “La finisca di tenere la radio a quel volume assordante che c’è gente che riposa”. Ricapitoliamo erano le 7.58 ero chiuso in macchina con i finestrini alzati, stavo ascoltando un ministro della repubblica che parlava alla radio. Sul volume con cui lo stavo ascoltando basti riflettere su un fatto: a che volume terreste voi Calderoli alla radio che risponde ad un question time? Che razza di comunità stiamo diventando se il livello di intolleranza che ci caratterizza è ormai questo?
Credo che se la mia radio di ieri sera era troppo alta per essere sopportata allora qualunque cosa non sia una veglia funebre, e’ diventata troppo per questa città

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Una storia interessante"

  1. Sono anni che cerco di incontrare l’uomo bionico (un pò come con Devetag) e tu, involontariamente, l’hai fatto. Quando la fortuna si presenta mascherata.

  2. Gli intolleranti li troverai sempre e dovunque. Non c’è spiegazione ad un evento simile, se non che magari l’uomo non fosse molto in se colla testa, oppure aveva appena litigato con la moglie o i figli, o è stato messo in cassa integrazione, o è stressato, o … beh, di motivazioni ce ne sono, anche se nessuna di esse gli dava il diritto di prendersela con uno sconosciuto.
    PS: era interessante ciò che diceva Calderoli?

  3. Vi do uno spunto per una riflessione.
    Secondo voi è lecito farsi venire dei dubbi in merito alle coincidenze temporali tra furti nelle case e arrivo delle giostre? Ogni anno è la stessa storia.
    Non si faccia di tutta l’erba un fascio ma , quantomeno, si rifletta su questa situazione e su l’omertà che circonda l’ambiente in questione.

  4. Brainwashing, questo serve alla città e ai vecchi rompi coglioni che la abitano. Neanche fossimo in terronia con gli strilloni dei mercati rionali, gli scooter dei soliti 4 stronzi di drogati e spacciatori, e le auto con radio a manetta dei 5/6 magniaccia sfigati con donne di colore al seguito…. se i goriziani non hanno rispetto e pazienza, NON NE HO PIU’ NEANCHE IO ! AVETE ROTTO LE PALLE, TRASFERITEVI CHE DI VECCHI RINCOGLIONITI IN CENTRO NE FACCIAMO VOLENTIERI A MENO. La città è in mano a della gente che non ha ne il rispetto ne la pazienza ne tanto meno il buon senso di rispettare l’orario per abassare la musica… 07.58??? che i vecchi facciano una proposta al comune… chiudere i bar e mettere al muro chi ascolta le radio in auto, a questo punto forse saranno contenti… Ma suicidatevi che fate meglio !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *