Una “lezione” straordinaria

A volte, capita che le lezioni più belle arrivino dai giovani. E ringraziamo il cielo che capiti ancora e che a tendere le orecchie siano i tanti politici isontini al lavoro sul futuro delle nostre scuole. La lezione, come dicevamo, è arrivata dai ragazzi di 3 BSU del liceo delle scienze umane “Scipio Slataper” di via Diaz dove, come segnala il docente dell’istituto e consigliere comunale del Pd Giuseppe Cingolani, si è verificato per l’ennesima volta un guasto all’ascensore, che ha impedito a uno dei ragazzi, costretto su una sedia a rotelle, di raggiungere l’aula. Le scale dell’istituto, infatti, nemmeno quelle all’ingresso né quelle che portano al pian terreno, sono dotate di rampa nonostante le numerose richieste inoltrate dalla scuola. I compagni, esempio non soltanto per i loro coetanei, hanno deciso così di prendere libri, quaderni e sedie e fare lezione in corridoio, assieme al compagno disabile. “In caso di emergenza, di incendio o terremoto -scrive Cingolani- quando l’ascensore non può essere usato, come farebbe il ragazzo ad allontanarsi debitamente dall’edificio?”. Domanda lecita, alla quale ci si attende una rapida risposta da parte della Provincia, cui spetta la responsabilità sull’edilizia scolastica di licei e istituti superiori, forse però troppo impegnata a sciogliere il nodo del piano di riordino. Che sia arrivato il momento, su tutti i fronti, di mettere da parte le proprie convinzioni e ascoltare con saggia e sincera umiltà il messaggio di questi ragazzi?

© RIPRODUZIONE RISERVATA.

Clicca su un’immagine per ingrandirla. Muoviti tra le immagini con le frecce della tastiera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Una “lezione” straordinaria"

  1. in caso di evacuazione a fronte di un emergenza gli ascensori non si devono usare e i disabili vengono portati a braccia lungo le scale. un tanto dalla mia esperienza di addetto alle emergenze in un ente ove erano presenti disabili.

    non ho letto tutto l’intervento di Cingolani, ma da come è stato riportato sembra proprio che non colga il punto: il problema non sta nelle emergenze ma nella gestione ordinaria delle attività. come fa il ragazzo disabile a raggiungere la sua classe se l’ascensore non funziona?

  2. @Paolo: alcuni disabili non possono essere portati con tranquillità a braccia, per il rischio di provocare fratture. Mi pare che il prof. abbia colto il punto, dato che, con tutti gli alunni, si è recato a fare lezione nel corridoio al piano terra…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *