Un tuffo nel passato

Il commovente “grazie” dei goriziani a Leopoldo Terraneo. La sala concerti stracolma a palazzo Degrazia è testimone di un affetto mai sopito, che getta le sua radici nell’ultimo ciclo dorato della Pallacanestro Gorizia, culminato con la promozione in serie A1 nel 1998. E in quella sala Leo ha ricevuto dal sindaco Ettore Romoli e dall’arcivescovo Carlo Roberto Maria Redaelli il diciassettesimo premio “Santi Ilario e Taziano”, che ogni anno in occasione della festa dei patroni viene assegnato a chi ha saputo dare lustro alla nostra città nei vari campi dell’arte, della religione o, come nel caso di Terraneo, dello sport, della cultura e del sociale. Agli amici in sala, tra cui anche Edy Reja ed Enzo Cainero, si sono aggiunti i saluti arrivati sotto forma di video messaggio da Antonello Riva, Francesco Moser e Lino Banfi. Commosso il ringraziamento di Terraneo, che ha dedicato un ricordo speciale ai nonni, ai genitori Rina e Carlo e ai suoceri Angela e Antonio, oltre che alla compagna di una vita, Mirella Della Valle. Immancabile un pensiero agli anni d’oro del basket. «Abbiamo avuto la fortuna di vivere un periodo entusiasmante e gratificante -ha detto- del quale ricordo tutti, dai giocatori ai tecnici, dai membri dello staff a giornalisti e sponsor con grande affetto. Porto con me solamente un rimpianto, avremmo potuto fare qualcosa di diverso e puntare sul progetto della squadra regionale. Il futuro ora è molto difficile». Accanto a lui, a ritirare un riconoscimento speciale, anche Giannino Busato, fondatore del reparto di anestesia e rianimazione dell’ospedale di Gorizia, e la moglie Anna Maria (Sonia) Ardit. «Stiamo premiando due persone che hanno fatto qualcosa di più rispetto a quello che si fa nel quotidiano -ha commentato il sindaco Romoli- la sala piena testimonia l’affetto verso queste due persone e l’approvazione da parte dei cittadini verso questo riconoscimento».

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *