Un castello, storia del Friuli

Il Castello Savorgnan di Artegna.
Il Castello Savorgnan di Artegna.
Un pezzo del Friuli medievale, sta ritornando allo splendore di un tempo. Il Castello di Savorgnan, nel comune di Artegna, presto tornerà alle sue fattezze originali. Quasi completamente distrutto durante il terremoto del 1976, è da alcuni anni oggetto di ricostruzione, e se la programmazione dei lavori sarà rispettata, completato entro un anno. L’impegno e la volontà dell’amministrazione di Artegna, di realizzare questa opera, per donare alla collettività un simbolo della storia, e del Friuli nobiliare. Il castello, è infatti di proprietà di una tra le più antiche famiglie aristocratiche della regione, i Sarvorgnan. La tradizione li vorrebbe oriundi di Aquileia, o forse discendenti da un membro della famiglia Ciprionieri, che seguì Gisulfo I del Friuli, nipote del Re Alboino dei Longobardi, durante la calata di questi ultimi in Italia. Nel 1797, anno della caduta della Serenissima, i Savorgnan compaiono ancora tra i casati aventi diritto di voto in Maggior Consiglio. Da qui, si divisero in 6 rami, i Savorgnan della Bandiera; dello Scaglione; del Torre; del Monte Cergneu; di Brazzà o Brazzacco; di Osoppo. Ancora oggi, il maniero sul colle di San Martino, è di proprietà di una famiglia veneta discendente dal casato dei Savorgnan, ma che già dagli anni ’90 decise di darlo in comodato gratuito al Comune.
Infatti, l’amministrazione di Artegna avendone l’uso per ancora 50 anni, ha già predisposto una possibile destinazione, a restauri ultimati. Il progetto, prevede di adibire le aree al pianterreno a centro visite, con un bar e servizi di ristorazione. Il livello superiore, diventerebbe un area museale dove esporre i tanti reperti storici ed archeologici, risalenti al tardo romanico e all’epoca medievale. Questa, come tante altre testimonianze della storia del Friuli, se dopo essere restituite all’aspetto originale, saranno ben gestite, potrebbero diventare ulteriori elementi turistici, e contribuire alla creazione di opportunità per l’economia dell’intera regione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Un castello, storia del Friuli"

  1. ….dopo appena 36 anni……non ci credo!!!!!!!!velocità è la parola d’ordine…complimenti all’amministrazione di Artegna….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *