Un brindisi per la Transalpina

La rinascita del piazzale della Transalpina passa anche attraverso un buon calice di vino. Il mosaico sul quale si affaccia la stazione ferroviaria, simbolo per eccellenza di quella che si presenta come l’anima transfrontaliera di Gorizia, ha ospitato l’incontro tra il sindaco Rodolfo Ziberna e il suo omologo di Nova Gorica Matej Arcon, che hanno iniziato a gettare le basi per un progetto condiviso fra i due Comuni per riqualificare e valorizzare in chiave turistica la piazza Transalpina. I due sindaci ne hanno parlato a margine di un’intervista televisiva realizzata sempre il piazza Transalpina dall’emittente nazionale slovena, incentrata sul possibile sviluppo turistico a cavallo del confine. Ziberna e Arcon hanno evidenziato le criticità attuali della piazza, condividendo l’idea di realizzare un arredo più attraente in cui trovino collocazione anche installazioni e immagini volte a spiegare meglio al turista la storia e la valenza simbolica della piazza. Si ragionerà anche sull’opportunità o meno di mantenere il parcheggio delle auto e di come consentire un miglior approdo per i pullman. Non solo, c’è anche l’ intenzione di valutare iniziative di carattere ristorativo. A breve sarà convocata una riunione fra i sindaci, gli assessori competenti, i tecnici di entrambi i Comuni e i referenti del corso di Architettura dell’Università di Trieste per avviare il confronto sulle caratteristiche del progetto che dovrebbe dare nuovo impulso turistico a piazza Transalpina. «È evidente che tale progetto rientra nel programma più ampio di valorizzazione turistica di tutto il nostro territorio» ha detto Ziberna, «che come pochi altri è ricchissimo di storia, splendidi paesaggi ed enogastronomia. Oltre agli elementi cittadini di grande attrazione, come il castello, che attira da solo 40 mila visitatori l’anno, dobbiamo cercare di far risaltare anche altre testimonianze di luoghi e percorsi che hanno fatto la storia di questo territorio trasformandoli in tappe e itinerari in grado di attrarre un turismo di livello internazionale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Un brindisi per la Transalpina"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *