Tutti noi, non fermiamoci alle apparenze

Un nostro lettore, mi ha scritto all’indirizzo di posta privato per porgermi le sue scuse e cosa che ho maggiormente apprezzato ha voluto condividere il suo punto di vista, il suo pensiero.

Antonino Munafò mi scrive:

Chiedo ancora scusa se ho esagerato nel commento al blog ma mi sono sentito chiamato in causa di prima persona. Frequento il Bar Aenigma da molto e non sono un nullafacente, non sono un drogato e non sono un alcoolizzato. Leggere ogni giorno articoli del genere, dove indirettamente, si poteva parlare anche di me mi ha fatto molto male. Studio, mi impegno e cerco sempre di rispettare il prossimo. La mia descrizione non combacia per niente con quella che lei fornisce dei ragazzi di Via Nizza. La prego di scusarmi ancora e, se ritenesse troppo offensivo il mio commento, la invito a cancellarlo immediatamente.
P.S: ci sono molte altre persone, educate e civili, che frequentano quel bar. La prego di capirlo e di scriverlo nei suoi prossimi articoli

Alla luce di questo, per quanto mi riguarda, non stento a credere che ciò che scrive sia vero, non l’abbiamo mai messo in discussione, e su questo vorrei insistere dato che, evidentemente non lo si vuole capire.

Il Locale che frequenti non centra,non è stato mia interesse di nessuno di noi.

Condivido, Antonino, non bisogna mai fare di tutta l’erba un fascio, ovvero non bisogna mai limitarsi alle apparenze,alla superficialità delle cose.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Tutti noi, non fermiamoci alle apparenze"

  1. sottolineo il fatto che c’è tanta altra gente che si è sentita chiamata in causa. Magari avete scelto le parole sbagliate, per esempio via dello sballo, o anche voi , vedendola diversamente, avete esagerato un pò. Le persone educate ed intelligenti sanno quando è il momento di fare un passo indietro e chiedere scusa. Spero che lo facciate anche voi.

  2. Nella vita non si fanno mai passi indietro ma sempre e solo in avanti. Perché sempre più avanti di tutto e di tutti bisogna essere. Ripetiamo la via dello sballottarmi non e’ un problema ma un sintomo e come tale va trattata. Un sintomo ci indica la malattia ed e’ la malattia che dobbiamo affrontare. In compenso caro signor munafo le segnaliamo che ci piace molto quello che dice e come lo dice. A questo blog servono nuovi collaboratori. Ci pensi. Non vedra’ una lira lavorando con noi per il semplice fatto che qua soldi non ce ne sono, ma avra’ sicuramente modo di far valere le sue idee. Salutoni

  3. La ringrazio, tuttavia, non sarei mai in grado di contorcere la realtà,come fate voi in alcuni articoli,sapendo che quello che scrivo andrà poi ad influenzare il pensiero di persone che, per ignoranza o scarsa conoscenza dei fatti, prendono quello che dico per oro colato.

  4. La realtà non si contorce al limite si DISTORCE. Comunque mi preme ricordarle che qui non troverà articoli perche questo Blog NON E’ UNA TESTATA GIORNALISTICA ma un forum dove ognuno esprime liberamente le sue idee. E le idee per definizione sono libere e contraddittorie. La verità è in mano solo a nostro Signore. Noi comuni mortali ci dobbiamo accontentare di dire meno sciocchezze possibile. Quindi ripensi alla nostra proposta e ci invii le sue idee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *