Tubi in amianto, lavori per 49 milioni

Tariffe in leggero aumento, a fronte però del doppio di investimenti rispetto al resto del Paese. E con le spalle coperte da un bilancio che lascia trasparire lo stato di salute dell’ente. Parliamo di IrisAcqua, che ha svelato le cifre del conto economico 2016, evidenziando un utile netto pari a 303 mila euro. Un tesoretto che, come previsto dallo statuto, sarà reinvestito e non distribuito. Nel 2016 le tariffe, stabilite dall’Authority nazionale, hanno fatto registrare un aumento medio del 6 percento, fissando il costo dell’acqua a 1,72 euro al metro cubo, contro ad esempio ai 2,15 di Acegas. Ma a rappresentare una delle voci principali del bilancio sono gli investimenti, pari a 152 milioni di euro per quanto riguarda quelli avviati e 83 milioni per quelli realizzati. In sostanza IrisAcqua investe circa 70 euro pro capite, contro i 33 del Nord Italia e i 29 della media nazionale. Il biennio 2017-2018 per IrisAcqua sarà contraddistinto da un serie di interventi, su tutti la realizzazione della dorsale, la linea fognaria che collegherà Gorizia al depuratore di Staranzano, e dalla sostituzione delle tubazioni in cemento amianto, tra le cause principali delle perdite della rete idrica. Il problema riguarda circa 350 chilometri di tubazioni, per i quali è previsto un investimento da 49 milioni di euro. «Quando parliamo di entrate, per IrisAcqua dobbiamo fare riferimento alle bollette pagate dai cittadini» ha sottolineato l’amministratore unico dell’ente, Mirio Bolzan, che si avvia alla conclusione del suo secondo mandato, «grazie alle quali possiamo coprire i costi relativi alla gestione del servizio ma anche degli investimenti, che per noi non sono un optional, come l’ammodernamento e la messa a norma degli impianti, in particolare quelli di depurazione. Il bilancio anche quest’anno si chiude un risultato positivo, anche per i costi della macchina IrisAcqua, che stiamo riducendo di anno in anno attraverso l’efficientamento e l’ottimizzazione degli impianti idrici e la sostituzione delle pompe con gli inverter. È stata di grande aiuto anche la scelta effettuata in passato di installare il parco fotovoltaico».

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Tubi in amianto, lavori per 49 milioni"

  1. In tutte queste innovazioni desidererei sapere qualcosa come cittadina sulla condizione delle tubature.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *