Truffe agli anziani

Il “vizietto” di truffare le persone anziane ha avuto il giusto epilogo. Infatti è finito in carcere un 42enne napoletano, F.E. le iniziali, dopo essere stato arrestato in flagranza di reato per truffa aggravata dai carabinieri di Monfalcone. I militari dell’arma lo hanno “pizzicato” ieri a Tarvisio dove aveva appena messo a segno una truffa ai danni di un anziano secondo lo stesso copione adottato il 24 ottobre scorso nella Città dei cantieri, e in quella occasione individuato. Evidentemente attendevano di coglierlo in flagranza di reato e lo seguivano. L’uomo sbarcato nella località montana friulana, dopo aver tentato inutilmente di “agganciare” un paio di persone anziane è riuscito a fare amicizia con un 86enne del posto, convincendolo a farsi dare 300 euro in cambio di vestiti di poco valore. Stesso copione, dicevamo, della truffa messa a segno a Monfalcone. Allora il bottino fu di 600 euro, e vittima un altro 86enne ammaliato dalla sua loquacità e dal fatto di essersi spacciato per figlio di un suo conoscente. I carabinieri hanno appurato che l’uomo ogni giorno, con un auto a noleggio, entrava in autostrada a Venezia e usciva ai caselli di varie località del Friuli Venezia Giulia. Ritengono che abbia truffato altri anziani con lo stesso metodo. La tecnica non è nuova. Spesso, infatti, persone si sono imbattute, specie nei parcheggi dei supermercati, in simili personaggi: molto loquaci, appiccicosi, e con in auto capi di abbigliamento falsamente griffati. Quindi grande attenzione, ma nessuna paura. Basta un po’ di aggressività e una telefonata alle forze dell’ordine per metterli in fuga.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *