Tondo: «Qui la sede dell’Ass unica»

Renzo Tondo e Ettore Romoli
Tondo, a sinistra, con Romoli nella sede elettorale di Corso Verdi.
Il Presidente della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Renzo Tondo, ieri a Gorizia per impegni personali, ha visitato la sede elettorale del candidato sindaco di centrodestra alle prossime comunali, Ettore Romoli.
In tale circostanza, il presidente Tondo, oltre a rivolgere il proprio augurio a Ettore Romoli per il vicino impegno elettorale, ha annunciato che la sede dell’Azienda Sanitaria unica sarà a Gorizia. Questo a ribadire la centralità che, secondo il presidente Tondo, è stata dedicata al capoluogo isontino.
Di tutt’altro avviso l’avversario di Romoli, Giuseppe Cingolani, che ribadisce come la sanità goriziana vada difesa a denti stretti. Non ci crede, Cingolani, alle promesse di Tondo. “Il Presidente della Regione – rimarca Cingolani – vuole sopprimere l’Azienda isontina, e trasferire a Trieste la gestione dei nostri ospedali. Dobbiamo opporci a questa ulteriore penalizzazione e reagire ad una campagna denigratoria ingiusta e umiliante nei confronti dei servizi e dei professionisti dell’ospedale di Gorizia».
Cingolani si chiede poi come mai il centrodestra aspetti il risultato elettorale per esprimere un giudizio definitivo sul Punto Nascita di Gorizia.
Il voto del prossimo 6 e 7 giugno si augura invece Tondo possa essere bene augurante per le Amministrative Regionali del prossimo anno. Una speranza comune sia a destra che a sinistra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Tondo: «Qui la sede dell’Ass unica»"

  1. Una precisazione: non è che non credo a Tondo. Semplicemente Tondo vuole realizzare un’unica Azienda dei servizi sanitari TERRITORIALI (assistenza domiciliare, riabilitazione dei bambini disabili, consultorio, centro di salute mentale, prevenzione…) che dovrebbe avere sede a Gorizia. Mentre le aziende dei servizi OSPEDALIERI diventerebbero tre in tutta la regione, l’Isontino sarebbe l’unica provincia a non gestire i propri ospedali, che passerebbero sotto Trieste.

  2. Tondo (quello che secondo Romoli doveva fare gli interessi di Gorizia in giunta regionale visto che la nostra provincia non ha nemmeno un assessore in quel consesso) ha appena fatto marcia indietro, le ASS saranno 3 con l’accorpamento di Gorizia a Trieste. Altro che sede dell’ARUSS a Gorizia.
    Quanto al punto nascita è perso oramai da tempo, solo un illuso potrebbe pensare che Gorizia, dall’alto dei suoi 35000 abitanti e 380 parti o già di lì, possa impensierire qualcuno con i suoi miagolii.
    La cosa brutta è che tra un po’ dovrebbe saltare anche Monfalcone visto che le nuove linee guida della sanità prevedono 1000 parti all’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *