Sui binari della storia

Da Redipuglia a Caporetto, un viaggio per non dimenticare il dramma della Grande guerra. Tanti gruppi di turisti e soprattutto numerose scolaresche hanno invaso ieri il piazzale della Transalpina, per salire a bordo del treno storico che, come ormai da tradizione, ridà vita grazie all’impegno della Pro Loco di Fogliano Redipuglia al “Viaggio nella memoria”, ripercorrendo la linea ferroviaria che ai tempi del conflitto collega la vecchia stazione goriziana, oggi in Slovenia, e quella di Santa Lucia d’Isonzo. Un itinerario lungo il fronte dell’Isonzo, capace di portare letteralmente i viaggiatori indietro nel tempo, con i rievocatori nelle divise d’epoca del Regio Esercito Italiano e dei soldati austroungarici, curate in ogni dettaglio, e di ripercorrere idealmente le tappe principali e gli episodi più sanguinosi delle battaglie combattute nel nostro territorio. Il treno a vapore, partito come sempre tra l’emozione e la curiosità di tanti goriziani che hanno raggiunto la stazione della Transalpina, ha raggiunto Caporetto dove il gruppo ha visitato l’ossario e i campi di battaglia del Ravelnik, dove i soldati in divisa hanno eseguito la rievocazione di una breve battaglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *