Stasera il premio dei Patroni

Verrà consegnato questa sera alle 18.30 presso il palazzo De Bassa il premio “Santi Ilario e Taziano – Città di Gorizia”, istituito dal Comune di Gorizia durante l’ultimo anno della giunta Valenti ed arrivato oramai all’undicesima edizione.
A ritirarlo “virtualmente” sarò quest’anno Gianni Bisiach (Gorizia, 1927), giornalista, scrittore e regista goriziano, conosciuto a livello nazionale per le trasmissioni RAI “Grandi battaglie” (1993-1995), “XX secolo” (1997) e “La Seconda Guerra Mondiale” (2004), oltre alla rubrica fissa del TG1 “Un minuto di Storia” (dal febbraio 2001). Nonostante il lavoro più duraturo rimane “Radio anch’io” (dal 1979), condotto per tredici anni e che gli valse numerosi premi, tra cui due Telegatti, le soddisfazioni maggiori restano quelle degli anni Sessanta, quando Bisiach dedicò le sue ricerche alla prima inchiesta televisiva sulla mafia, realizzata in Sicilia, dal titolo “Rapporto da Corleone” (1962) che denunciava la cosca Liggio-Provenzano-Riina e valse il Premio Mondiale della Televisione (Londra, 1963). Da questa sua inchiesta nacque la Commissione Parlamentare Antimafia.

Gianni Bisiach.
Qualche anno più tardi, Bisiach si dedica alla direzione di “I due Kennedy” (1969) sulla morte del 35° presidente degli Stati Uniti d’America, John Fitzgerald Kennedy, rendendo pubblici i nomi dei mandanti dell’assassinio di Dallas, confermati dieci anni più tardi dalla Commissione Stokes. Il lavoro del ’69 gli valse, a pari merito con Federico Fellini e Luchino Visconti, il Premo Internazionale Spoleto Cinema nel 1970.
Durante la serata, presentata da Alessandra Marc, il pubblico potrà assistere all’esibizione dell’arpista Ester Pavlic, mentre il giornalista goriziano Gianni Bisiach, che non potrà fisicamente partecipare alla cerimonia, terrà in videoconferenza un intervento sul tema de “La televisione nello studio della società contemporanea e delle sue radici storiche e culturali”.
La scelta su Gianni Bisiach è stata assunta, come previsto dal 2007, dalla Commissione valutatrice, presieduta di diritto dal Sindaco e dal Decano della città e composta dal Parroco del Duomo, dall’Assessore comunale alla Cultura, dal Presidente del Consorzio per lo Sviluppo del Polo Universitario, dal Presidente della C.C.I.A.A. e dal Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *