Sanita’,riforma contrastata.

Dopo le audizioni in Regione di medici,parti sociali e tecnici del settore,una deliberazione unanime della Conferenza permanente per la programmazione sanitaria,sociale e socio sanitaria delle Autonomie locali.Tutti d’accordo sulla necessita’ di una riforma pero’,con molti pero’,che vada-si legge nel documento dei sindaci-” nel senso del mantenimento e della sostenibilita’dell’elevata qualita’ delle prestazioni sanitarie, socio sanitarie e socio assistenziali pubbliche”.Un buon politichese come del resto alcuni passaggi successivi come a dire che la riforma e’ indispensabile anche per le ulteriori restrizioni imposte dal Governo,ma con molti paletti,con calma e-dice ancora il documento-con “un ampio e aricolato confronto preventivo”.Infatti le linee guida della riforma non sembrano piacere molto.E cosi’ dopo i preamboli amichevoli,in cauda venenum,alla fine del documento le stoccate.”L’articolato-si dice-perimetra una cornice di riferimento non omogenea per il territorio regionale e non esaurisce le problematiche presenti,anzi le rinvia a successivi provvedimenti attuativi”.E ancora la conferenza dei sindaci manifesta “preoccupazione per il dimensionamento prospettato per il distretto ritenendo che il principio di coincidenza con l’ambito risponda alla necessita’ di raccordo tra servizi sanitari e socio assistenziali”.Si chiede poi che vengano mantenute le deroghe relative al numero minimo di abitanti nelle realta’ montane.Insomma nel mirino un po’ tutto dai distretti,agli ambiti,al numero di aziende.E in chiusura l’ultima stoccata:”la conferenza-conclude il documento-rivendica il rispetto del ruolo dei comuni nei compiti di indirizzo e di controllo in materia,ritenendo che tale garanzia possa essere compromessa da un ampliamento abnorme del numero di abitanti per distretto e quindi degli ambiti”.Un altro fronte,dunque,critico.Si ha la sensazione che il confronto sara’ ancora ampio e lungo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *