San Giuseppe, lavori in corso

Mattinata movimentata, quella di ieri, in via Grabizio a San Rocco. E in particolare nel villaggio del San Giuseppe, aperto oltre un anno fa da Medici senza frontiere e gestito oggi dal consorzio di cooperative “Il Mosaico”, dove non è passata inosservata la presenza di un’autogru che ha posizionato nei pressi dell’ingresso due nuovi container. In un primo momento il pensiero dei residenti, che subito hanno segnalato i lavori in corso, è stato inevitabilmente quello che il numero di ospiti del villaggio fosse destinato ad aumentare. Così non è. E a fare luce sui nuovi moduli arrivati in via Grabizio è il presidente del Mosaico, Mauro Perissini. «Sono stati semplicemente sostituiti due moduli per i servizi igienici perché non erano attrezzati per l’uso da parte di persone disabili» ha spiegato, «il campo di San Rocco è soggetto a una procedura autorizzativa che impone questo tipo di servizi, e noi non abbiamo fatto altro che rispettare le disposizioni ricevute». Tra i residenti, comunque, il timore è quello che l’arrivo della bella stagione possa far nuovamente lievitare il numero di richiedenti asilo presenti in città. «Posso garantire che per quanto riguarda le strutture gestite dal Mosaico non ci stiamo preparando a nessun arrivo straordinario» ha commentato Perissini, «al San Giuseppe la convenzione appena rinnovata prevedere sempre un tetto massimo di 96 posti e logicamente non possiamo aumentare queste cifre a nostro piacimento. La situazione resta tranquilla, anche troppo vista l’assenza di flussi in uscita». Nell’ex villaggio di Medici senza frontiere sono presenti in tutto 29 container, di cui 24 moduli abitativi da 4 posti letto ciascuno, un modulo adibito a ufficio, 4 moduli per servizi igenico-sanitari di cui 2, da ieri, attrezzati per disabili. Al Nazareno, l’altra struttura affidata in gestione al Mosaico, il numero di posti a disposizione è invece aumentato da 150 a 165 posti letto. Quelli nuovi dovrebbero essere disponibili dalla metà di maggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *