Salita al castello, vecchi progetti

Non solo il disegno dell’ascensore realizzato da Max Fabiani, ma anche una scalinata che si erige da piazza Vittoria e risale il colle del nostro castello. Il progetto, risalente agli anni immediatamente precedenti all’ingresso dell’Italia nella seconda guerra mondiale, porta stavolta la firma dell’architetto Armando Brasini, tra i più noti del periodo fascista, lo stesso che realizzò a Roma il ponte Flaminio, l’ingresso monumentale del giardino zoologico e il complesso del Buon Pastore. Il Brasini, come si nota nell’immagine gentilmente concessa dal collezionista Simone Lutman, aveva previsto, oltre alla monumentale scalinata, la realizzazione di un monumento alla vittoria del fante, di un piazzale a tre quarti del colle e di una porta trionfale, il posizionamento della lupa capitolina sopra l’ingresso del castello e sul colle, accanto al monumento, i gironi di un ossario. Il progetto non ebbe un seguito a causa dello scoppio della seconda guerra mondiale, ma al pari dell’ascensore di Max Fabiani ritorna attuale per le vicissitudini del cantiere dell’ascensore, ancora in attesa di un progetto definitivo e della riapertura del cantiere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *