Saggezza tra le righe

C’è capitato leggere su un quotidiano locale un lungo articolo in cui si descrivevano le pesanti condizioni di degrado in cui versa il castello di Gorizia. Il segretario comunale del PD Cingolani che pure correttamente ha fatto la denuncia, è tornato ad attaccare il progetto dell’ascensore. Per chi come noi l’ha scongiurato di non cedere alle lusinghe di certo estremismo sfascista che in città ha bloccato per decenni qualsiasi progetto, questa potrebbe sembrare una brutta notizia. Ma chi sa di politica ne conosce anche i linguaggi e quindi non può non leggere nel pezzo significativi accenti cerchiobbottisti che almeno in questo caso sono tutt’altro che un male. Insomma ci schieriamo contro l’ascensore (un buon modo per mettere sotto pressione il sindaco che fra due anni si vota) ma senza esagerare che se la volta prossima si vince le elezioni l’ascensore servirà anche a noi. Criticare ma non sabotare. Insomma in politica a volte l’ambiguità può essere molto più lineare e utile di una chiara netta e ben definità presa di posizione idiota.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Saggezza tra le righe"

  1. Non ho letto l’articolo, ma personalmente mi fa piacere che qualcuno si sia improvvisamente accorto che a Gorizia c’é un castello e che se sfruttato nel modo giusto possa anche portare parecchi voti a chi lo salverà dal crollo. (e poi addio ingressi gratuiti…) Tanto per rimanere in tema di ambiguità politica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *