Rotonda quasi pronta

Il cantiere di via Brigata Casale ha i giorni contati. Si stanno per concludere infatti i lavori di realizzazione della nuova rotatoria tra le vie Leopardi, Leoni, Pascoli, Angiolina, vicolo del Guado e appunto via Brigata Casale, accompagnati nell’ultimo periodo dalle proteste di diversi residenti che hanno notato scarso movimento nell’area occupata dal cantiere. «Di operai se ne vedono pochi e per poche ore al giorno» racconta una di loro, Franca Bardusco Giasone, «gli operai si sono sempre comportati benissimo e i disagi per noi residenti sono stati minimi, ma da un mese la situazione sembra congelata e i lavori non proseguono, se non per piccolissimi interventi. Giovedì siamo stati svegliati dal furgone che ha scaricato i New Jersey, le barriere in plastica bianche e rosse, e da quel giorno tutto si è fermato». Ieri pomeriggio, ne siamo testimoni, era al lavoro un giardiniere per azionare l’impianto di innaffiamento della “nuova” aiuola, che conserva al centro il monumento alla Brigata Casale. Qualche preoccupazione tra i residenti c’è invece per le sorti del pino, le cui radici potrebbero essere state troncate in misura eccessiva. A motivare la calma che regna nel cantiere ci ha pensato il sindaco Ettore Romoli, che interpellato a riguardo ha chiarito che «stavolta chi punta il dito contro il ritmo dei lavori non ha ragione». «La motivazione del rallentamento, giustamente segnalato dai residenti, è semplice: circa un mese fa è stato fatto il getto del cemento, che necessita appunto di una trentina di giorni di maturazione. Ne mancano appena un paio prima che i lavori, che per tutta la durata della prima fase sono stati molti rapidi, possano riprendere». La conferma sulla ripresa delle attività del cantiere e sulla successiva apertura della rotatoria arriva dal comandante della polizia locale, Marco Muzzatti. «Lunedì potrà iniziare la seconda fase dell’intervento, quella relativa all’asfaltatura della strada intorno all’aiuola e alla segnaletica orizzontale» spiega Muzzatti, «venerdì prossimo, 17 marzo, potrebbe essere il giorno dell’apertura. Dovranno essere anche posizionati i cordoli gialli e neri e almeno per il primo periodo lasceremo sul posto anche i New Jersey, in modo da segnalare nella maniera più evidente possibile la presenza della rotatoria, che per qualcuno può rappresentare ancora una novità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *