Rivoluzione su rotaia

Uno dei Civity pronti ad approvare in Friuli Venezia Giulia.
Uno dei Civity pronti ad approvare in Friuli Venezia Giulia.
Arriveranno nel 2013 sulle rotaie del Friuli Venezia Giulia i nuovi otto convogli Civity ETR 563, dei veri gioielli del trasporto pubblico, dotati delle più moderne tecnologie per assistere e semplificare la vita dei nostri pendolari. I nuovi treni, già acquistati dalla Regione per più di 50 milioni di euro, sono attualmente in fase di test sulla linea Arezzo-Sinalunga prima di poter ottenere l’okay per le prime prove sulla Rete Ferroviaria Italiana, che anticiperanno l’arrivo in regione, previsto per febbraio o marzo del prossimo anno. Una maxi delegazione regionale, composta anche dai rappresentanti dei pendolari, ha fatto visita alla stazione di Monte San Savino per un primo approccio con i nuovi treni, promossi a pieni voti. La qualità degli allestimenti, gli spazi dedicati ai disabili e la facilità di mantenere un ambiente pulito, uniti alla tecnologia sfruttata per le comunicazioni ai passeggeri sono senza dubbio innovazioni che da anni gli oltre 25 mila corregionali che viaggiano su rotaia si auguravano.
E non finisce qui. La Regione ha infatti intenzione di investire ancora 36 milioni di euro per l’acquisto di altri quattro Civity, che si aggiungeranno ai quattro Vivalto, già presentati, che dovrebbero essere attivati entro la fine di novembre. Sembra compiuto, quindi, il primo passo della rivoluzione del trasporto pubblico, che dovrà però passare anche attraverso l’ammodernamento e la cura delle stazioni ferroviarie e delle linee. Ma i pendolari possono già dirsi in parte soddisfatti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *