Reati informatici in aumento

Boom di reati informatici nella nostra regione. Il Friuli Venezia Giulia ha conquistato infatti una poco invidiabile prima posizione nella graduatoria delle regioni italiane dove negli ultimi cinque anni si è registrato l’incremento più ampio di reati informatici, con un preoccupante più 134 percento. Settimo posto, invece, nella classifica del numero di denunce da parte della popolazione, con un cittadino ogni 349 che decide di rivolgersi alle autorità giudiziarie. Questi i dati che emergono dall’analisi di DAS, compagnia di Generali Italia specializzata nella tutela legale. «In Italia» spiega Roberto Grasso, amministratore e direttore generale di DAS, «le denunce delle forze di polizia all’autorità giudiziaria per reati informatici sono cresciute in Italia di oltre il 51 percento, con un’incidenza di un reato ogni 393 abitanti. In Friuli Venezia Giulia, il fenomeno è più diffuso a Trieste, 1 ogni 261 abitanti, che è fra le prime sette province del Paese per maggiore ricorrenza di questi reati che sono meno frequenti in provincia di Gorizia, una denuncia ogni 317 abitanti. La situazione è in linea con la media nazionale a Udine, una denuncia ogni 385 abitanti, mentre è ancora più tranquilla in provincia di Pordenone, con una denuncia ogni 408 abitanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *