«Questura, restauro o nuova sede»

«Bisogna procedere a un restauro completo della questura di Gorizia, oppure verificare la possibilità di finanziare la costruzione ex novo di una sede». Questo il pensiero del consigliere regionale Roberto Marin (Pdl-Fi), primo firmatario dell’ordine del giorno con cui l’aula di piazza Oberdan ha impegnato la giunta regionale a occuparsi delle condizioni del palazzo degli Stati Provinciali, sede della questura di Gorizia, dove ormai da tempo gli agenti sono costretti a convivere con impalcature, ponteggi e barriere che impediscono l’accesso alle aree più degradate dell’edificio. «La giunta regionale si è impegnata a risolvere l’evidente problema della questura di Gorizia prevedendo un restauro» ha specificato Marin, «o individuando, di concerto con il ministero degli Interni e con il Comune, una sede idonea per dare un servizio alla polizia di Gorizia e per dare una sede almeno funzionale alla stessa città». Per Marin, la situazione della questura di piazza Cavour «è al limite della sopportazione e rappresenta un vero e proprio pericolo per chi presta servizio e per i cittadini, i rilievi statici di controsoffitti e del tetto sono stati già eseguiti e hanno dimostrato tutta la necessità di un intervento definitivo e risolutivo». Di più, proprio per non correre rischi eccessivi «la sede della questura è stata dislocata in quattro diversi siti, con le chiare e innegabili problematiche sia per gli operatori che per i cittadini». La chiusura delle Province, rammenta il consigliere forzista, ha avuto come conseguenza il passaggio del palazzo degli Stati Provinciali al Comune. «La Regione è già intervenuta in diversi casi analoghi e ha finanziato tutte le altre province. Sia Pordenone che Trieste e Udine godono di strutture adeguate. Ora è arrivato il momento di pensare anche a Gorizia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "«Questura, restauro o nuova sede»"

  1. Non si potrebbe riutilizzare una parte del vecchio ospedale di via Vittorio Veneto ?
    A qualcuno potrebbe venire in mente la malsana idea di ospitare le “risorse” in quel luogo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *