Quattro candidati a sindaco



Quattro candidati a sindaco di Gorizia sostenuti complessivamente da sedici liste. Un vero e proprio esercito di oltre 500 persone che si contenderanno i quaranta posti in consiglio comunale. Ettore Romoli potrà contare su sette liste dell’arcipelago di centro destra, cioè Il Popolo di Gorizia, Udc, Fli, La Destra, Lega Nord, i Pensionati e la Civica Per Gorizia dell’ex sindaco Erminio Tuzzi. Altre sette liste, tutte di centro sinistra, sosterranno Giuseppe Cingolani. Oltre al suo partito, il Pd, a fianco a lui ci saranno Sel, Idv, il Forum per Gorizia, Rifondazione dei Comunisti Italiani, Gorizia è tua e la lista giovanile di Ritorno al Futuro. Nella lista del Pd comunque convergeranno anche esponenti dell’Unione Slovena. Candidata sindaco per i “grillini” è Manuela Botteghi, mentre Fabrizio Manganelli sarà sostenuto da Un’Altra Regione, l’ex movimento Un’Altra Trieste, ora allargatosi a tutta la regione, di Franco Bandelli e Alessia Rosolen. Escluse invece le liste di Roberto D’Amato (Movimento degli Invisibili), e di Renato Fiorelli (Amici e Disperati), che comunque ha allegato agli atti una richiesta di proroga dei termini di consegna delle firme a sostegno della sua lista. Entrambe hanno raccolto appena una trentina di firme ciascuna. L’ufficialità verrà comunicata nelle prossime ore. È chiaro che a questo punto lo scontro sarà fra Ettore Romoli del centro destra e Giuseppe Cingolani del centro sinistra. Uno scontro che ci si augura rimanga nei binari della correttezza, ma soprattutto delle idee e delle proposte lungimiranti anche per ribadire quel ruolo internazionale che ha sempre avuto la città di Gorizia. Le polemiche degli ultimi tempi e le accuse certamente non arricchiscono la campagna elettorale, tenendo anche presente la crescente disaffezione per la politica degli elettori. Questa volta sarà però necessario un grande afflusso alle urne per una scelta, indifferentemente di centrodestra o di centrosinistra, per il futuro e il rilancio di Gorizia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *