Prestiti alle imprese, tutto più facile

Dal primo dicembre 2011 è operativo il Fondo di Garanzia sull’Innovazione del FESR 2007-2013 (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) che, in totale, mette a disposizione risorse finanziarie per 22 milioni di euro. Sono una decina le banche che, il 30 novembre scorso presso lo spazio FFF della CCIAA di Udine, hanno sottoscritto le convenzioni con gli 8 Confidi operanti in regione. Gli 8 Confidi, per le prima volta riuniti in un Rti, Raggruppamento temporaneo d’impresa, gestiscono il fondo di garanzia comunitario.

Il presidente di Confidimprese Fvg, Giovanni Battista Gregoris.
I Confidi – che nello specifico sono Confidimprese Fvg (capofila), Confidi artigiani e Pmi di Trieste, Confidi Trieste, Congafi Trieste, Confidi Gorizia, Confidi Pordenone, Confidi Friuli, e Neafidi e che, globalmente, associano oltre 26.000 imprese e garantiscono finanziamenti per oltre 1 miliardo di euro – grazie alle risorse del fondo europeo potranno prestare una garanzia fino all’80% su finanziamenti a breve e medio termine. In un momento di nuova e forte restrizione del credito, la riduzione del rischio bancario al solo 20% faciliterà le imprese ad accedere ai finanziamenti necessari per realizzare progetti innovativi.
“I Confidi svolgono un ruolo fondamentale di collegamento tra mondo delle imprese e sistema bancario”. Lo spiegano ad una sola voce gli 8 Confidi sottolineando : “il radicamento nel territorio, la conoscenza delle imprese, consentono di ridurre le cosiddette assimetrie informative tra impresa e banca. Già quotidianamente i Confidi, individuano i bisogni delle imprese, indicano i finanziamenti più idonei e vantaggiosi e spiegano, nel contempo, alle banche il valore aggiunto di ogni impresa che va sempre molto al di là di quanto rappresenta la sterile contabilità numerica. L’attività di gestione del Fondo Por-Fesr, costituisce un ulteriore grande impegno per tutti gli 8 Confidi – prosegue la riflessione del Rti – l’impegno è stato massimo e lo sarà ancora di più nel futuro. Con la sottoscrizione degli istituti di credito siamo ad un nuovo step: dobbiamo promuovere significativamente l’innovazione. Ora è giunto il momento di concedere garanzie e questo fondo è l’occasione che può fare la differenza”.
Le finalità ammissibili sono l’acquisizione di servizi di consulenza strategica esterna; l’attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale; l’innovazione di prodotto, di processo e quella organizzativa; i meccanismi di trasferimento tecnologico; la realizzazione di investimenti produttivi legati all’industrializzazione dei risultati dei progetti di ricerca, sviluppo e innovazione ed il sostegno allo start-up di imprese innovative e ad alto potenziale di crescita. Per tutte le informazioni specifiche ci si può rivolgere direttamente al Confidi di riferimento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *