Perché chiudere l’Ospizio Marino

Giovedì mattina movimentato in via Sauro. CGIL, FP CISL e UGL hanno infatti organizzato un corteo per manifestare la propria contrarietà alla chiusura dell’Ospizio Marino di Grado.

La struttura privata, “un fiore all’occhiello di tutto il triveneto”, secondo Massimo Bevilacqua – segretario generale provinciale di CISL Funziona Pubblica – che forniva un servizio pubblico, è stata chiusa per motivi igienico-sanitari.

Sia i dipendenti che gli utenti della struttura sono in attesa di novità, prima di tutto il dissequestro, auspicato anche da Orietta Olivo – componente di segreteria regionale CGIL – secondo cui “i problemi che hanno portato alla chiusura sono risolvibili. Esistono società interessate alla messa a norma della struttura, che così potrebbe continuare ad offrire i propri servizi”.

Non è però la chiusura della struttura ciò che ha portato i sindacati e sfilare dal Tribunale di Gorizia a piazza Vittoria, ma i problemi che questa ha causato ai dipendenti e agli utenti.

“Non mi viene in mente nessuna struttura con lo stesso livello di specializzazione come l’Ospizio Marino di Grado” – continua Bevilacqua – “mentre altri tipi di strutture potrebbero non accettare le convenzioni che venivano offerte dall’Ospizio Marino”.

Questione più spinosa per i dipendenti, attualmente con lo stipendio bloccato, che rischiano il licenziamento, e per i quali entrambi i rappresentanti dei sindacati auspicano una rapida riapertura della struttura.

“Invece che dipendenti e pazienti – conclude Bevilacqua – che vengano perseguiti i reali responsabili di tutta questa situazione”, e che l’Ospizio Marino, grazie ad una nuova gestione, torni ad offrire il servizio che ha sempre offerto dal 1873.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Perché chiudere l’Ospizio Marino"

  1. salve, mi chiamo davide e sono un operatore dell’ambito sociale, ho lavorato in molte strutture per disabili e so che l’Ospizio Marino è un luogo storico e sicuramente importante dal punto di vista dei servizi di riabilitazione che offre; tempo fa però ho avuto modo di constatare io stesso che le condizioni igieniche dell’Ospizio non sono adeguate; non si tuttavia di condizioni irrisolvibili.
    é un problema che si porta avanti da agosto-settembre dello scorso anno,non è una novità. Accertare eventuali responsabilità, arrivare a una nuova gestione e ripristinare un servizio storico come quello dell’Ospizio Marino sarebbe un bel passo aventi non solo per Grado ma per tutta la regione.
    Ciao!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *