Pd e Pdl puntano sulle agevolazioni

Gaetano Valenti (a sinistra) e Gianfranco Moretton.
Gaetano Valenti (a sinistra) e Gianfranco Moretton.
La campagna elettorale non è ancora formalmente cominciata ma i big della regione stanno gia affilando le armi in vista dell’imminente scontro che avrà come terreno Gorizia assunta a emblema a simbolo dello scontro politico nazionale.

il consigliere regionale Gaetano Valenti (Pdl) annuncia in una nota che l’assessore regionale al Bilancio Sandra Savino, ha confermato come la giunta sia intenzionata a prorogare ulteriormente il regime di sconti supplementari per l’acquisto di carburante nella prima (sconto di 27 centesimi) e nella seconda fascia (15 centesimi). Questo ha già sosrtito effetti immediati, «Diversi distributori hanno esaurito anzitempo le scorte di benzina – spiega Valenti – soprattutto nel Goriziano, dove più marcato è il fenomeno del pieno oltreconfine. La ripresa è testimoniata non soltanto dall’esaurimento del carburante in diversi impianti, ma anche dalla riattivazione di numerose tessere-sconto: in queste settimane gli impiegati della Camera diCommercio hanno riattivato quotidianamente 10-15 card, disattivate a causa del prolungato inutilizzo».
Domani, nel corso di una riunione straordinaria, la giunta regionale
ratificherà l’estensione a marzo dei super-contributi, considerato che la proroga risulta compatibile con gli equilibri di bilancio.

Dal fronte opposto il capogruppo,consigliere regionale Gianfranco Moretton (Pd) bacchetta le scelte dell’amministrazione regionale sull’edilizia pubblica “Riccardi ha ben poco da fare, se non varare subito le regole di accesso alla casa, e così facendo evitare di danneggiare ancora i tanti cittadini che aspettano un aiuto da una Regione che fino ad alcuni anni fa, prima dell’avvento del centrodestra, conosceva e rispettava i principi della solidarietà, mettendo al centro i bisogni della persona.
Attendere non si sa bene che cosa, al solo scopo di dilazionare nel tempo una decisione legata solo al ricatto leghista, non produrrebbe alcun effetto positivo, se non di consentire l’apertura di contenziosi di natura giudiziaria con tutti gli effetti negativi che conosciamo.
La casa è un bene prezioso che non può essere politicamente scaricato, come ha fatto il governo Tondo, che anche per l’edilizia agevolata prima casa, cambiando i criteri di accesso ai contributi, ha concretamente bloccato qualsiasi sostegno alle persone, particolarmente ai giovani, che intendono acquisire il bene casa”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *