Paura a San Rocco

Una brutta avventura andata fortunatamente a buon fine. O quasi. Fine settimana movimentato quello vissuto nella parrocchia goriziana di San Rocco, in particolare nella sagrestia della chiesa e nell’adiacente oratorio. Quest’ultimo sempre aperto e disponibile, chiaramente in buona fede, per incontri, concerti e altre iniziative anche a livello cittadino. E proprio nelle stanze dell’oratorio sembra si sia verificata un’intrusione, diciamo così, poco gradita. Nulla è stato trafugato, ma i malintenzionati hanno aperto tutte le porte delle stanze, forzando le ante degli armadi probabilmente alla ricerca di denaro. Tanta paura, insomma, ma danni limitati. Unico oggetto mancante, ma precedentemente a quest’ultimo caso, è stati nei giorni scorsi un turibolo di metà ottocento trafugato dalla sagrestia. Mentre a pochi passi dalla chiesa, nella rotatoria di via Vittorio Veneto, è ancora avvolto dal mistero il tentato sradicamento dell’aratro del compianto Renato Madriz, simbolo della tradizione contadina del borgo, anche se al momento l’ipotesi più accreditata sembra essere quella di un vile atto vandalico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *