Palabigot, stagione sabbatica

I cancelli del Palabigot resteranno chiusi per tutta la prossima stagione sportiva. Duplice la motivazione: da una parte i piani che ha in mente l’amministrazione comunale per rimettere mano all’impianto di riscaldamento, dall’altra un aspetto strettamente collegato, vale a dire i costi di gestione, sui quali gravano proprio le spese per riscaldare la gigantesca struttura. Fino allo scorso giugno, il Palabigot veniva gestito dall’Ardita a fronte di un contributo annuale pari a circa 40 mila euro, insufficiente però a coprire tutte le spese. «Al momento» ha spiegato il vice-sindaco con delega allo sport, Stefano Ceretta, «è impossibile stabilire se il Palabigot resterà chiuso sei mesi, un anno o qualcosina di più. L’unica certezza è che per tutta la prossima stagione sportiva non vi svolgeranno attività. Siamo consapevoli che il palasport non può essere abbandonato e, anzi, la nostra volontà è quella di arrivare a una prossima riapertura, ma senza dimenticare che alcuni lavori non sono più procrastinabili». Su tutti, come detto, la sostituzione dell’impianto di riscaldamento. «Dobbiamo mettere in cantiere anche tanti piccoli interventi per migliorare la funzionalità della struttura per l’attività sportiva» ha aggiunto Ceretta, «e in un secondo tempo possiamo prevedere anche l’installazione di un montacarichi, intervento necessario a ospitare spettacoli e concerti». Nell’ultima stagione, oltre alle giovanili di Minerva (volley), Ardita e Dinamo (basket), si sono allenati in via delle Grappate anche i giocatori dell’Olimpia Gorizia, squadra di basket che milita nel campionato di Promozione, e due squadre di basket che invece partecipano alle attività della Uisp. In più, le gradinate del Palabigot si sono riempite in occasione dei saggi della Dinamic Gym (ginnastica acrobatica e parkour) e della Ginnastica Artistica Isonzo, mentre il parquet, che ha visto da vicino tante battaglie della pallacanestro goriziana, lo scorso settembre si è riscoperto nell’insolita veste di aula per ospitare l’esame di un concorso per infermieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *