Ordigni nella Bassa

Gli artificieri del Genio guastatori di Udine hanno fatto brillare tre residuati bellici della prima guerra mondiale rinvenuti nelle scorse settimane nella Bassa friulana. Si è trattato nel dettaglio di un bomba da mortaio da 81 millimetri di calibro, ad alto esplosivo, di fabbricazione italiana, prelevata a Nogaredo di San Vito al Torre, lungo una strada che segue l’argine del fiume. La presenza dell’ordigno era stata segnalata da un passante. A Ruda sono state invece rinvenute due granate calibro 75, anche queste ad alto esplosivo e di fabbricazione italiana. I tre residuati bellici sono stati trasferiti in una cava di inerti a Campolongo-Tapogliano e fatti brillare dagli artificieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *