Non caliamoci le brache

di Fabio Genitle

I due marò arrestati in India.
I due marò arrestati in India.
L’incredibile vicenda dei nostri Marò incarcerati in India, senza reali prove contro, credo colpisca molti italiani in questi giorni. L’attuale governo Monti, anche in questo caso, ha dimostrato fermezza nelle parole ma sobrietà nelle azioni. Non ottenendo alcun risultato concreto. Ovvero quello del ritorno dei nostri connazionali in Italia. Non è discutibile infatti che la nave su cui loro erano imbarcati fosse in acque internazionali. Qualche tempo fa il governo Indiano, quando dei suoi militari in missione ONU all’estero furono accusati di violenza carnale, non fece giudicare i loro militari con le leggi del luogo fisico ove si trovavano, ancorché chiaramente non internazionale, ma li rimpatriarono per giudicarli con le leggi militari indiane.
Non si capisce come dei militari, in servizio per risoluzione ONU, possano essere stati consegnati, insieme alle loro armi, ad un autorità straniera. Pare una cosa inconcepibile anche per chi il militare non l’ha fatto. Questa Italia pare sempre più forte con i deboli -suoi cittadini- anziché con chi non è italiano. Capisco perfettamente la politica internazionale e la necessità di non incrinare i rapporti con una delle principali potenze economiche mondiali, perché ormai l’India lo è, ma a mio modo di vedere un segnale chiaro e forte, questa Italia sarebbe ora lo facesse. Si inviti la rappresentanza diplomatica Italiana a fare rientro in patria e contestualmente si inviti quella indiana a lasciare il nostro paese. Fosse successo a parti inverse quanto scommettiamo che tutti gli indiani residenti in Italia sarebbero andati, con o senza turbanti, a dimostrare sotto la loro ambasciata? O che folle oceaniche indiane si sarebbero riunite sotto la nostra ambasciata in India a bruciare tricolori?
Prima di dichiararci un paese tollerante, cristiano, multiculturale e multietnico, impariamo a difendere i nostri cittadini, anche quelli che lo sono diventanti, non solo e sempre calandoci le brache e parlando tanto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Non caliamoci le brache"

  1. Non credo che a parti inverse gli indiani avrebbero protestato; sicuramente invece ci sarebbero state manifestazioni solidali pro-India da parte della abituale porzione di popolo italiano battente bandiera rossa.

  2. Mi chiedo perche’ il Governo Italiano non convoca un tavolo all’ ONU, dato che sono state violate, dall’India, le norme internazionali?
    Quando dico che non si hanno PALLE e’ la verita’ ricordate la strage del Cernis?
    I maro’ devono tornare a casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *