Nessuno scontro

Un centinaio di manifestanti in tutto. Si sono rivelate decisamente più contenute, come per altro ampiamente previsto anche dalle forze dell’ordine, le due manifestazioni che hanno occupato il pomeriggio di ieri nella nostra città. La prima, in piazza Municipio, organizzata dall’Osservatorio regionale antifascista, e la seconda al Palace Hotel di Corso Italia, organizzata dall’associazione “Unione per la nazionale” per Fiamma nazionale, e che ha visto la partecipazione oltre al segretario nazionale di Fiamma nazionale anche del segretario nazionale del Partito nazionale sloveno Zmago Jelincic. Due manifestazioni che a modo loro si sono contrapposto ma che anche grazie al controllo delle forze dell’ordine sono state limitate a presidi fissi, evitando qualsiasi occasione di scontro o di contatto tra i manifestanti. Un dato questo confermato anche in tarda serata da un comunicato della Questura di Gorizia. “Il dispositivo di sicurezza -si legge nella nota- ha evitato che le manifestazioni di opposta ideologia politica venissero in contatto visivo o ravvicinato, garantendo così il loro regolare svolgimento senza alcuna turbativa per l’ordine, la sicurezza pubblica e la giusta tranquillità per la cittadinanza”. Insomma, la sicurezza prima di tutto. E riteniamo sia giusto così. Anche e soprattutto per i goriziani che quest’anno hanno già sopportato più di una manifestazione da “cordone di sicurezza”, e che ormai hanno imparato il copione a memoria. Trait d’union tra le due manifestazioni è stato il tema dell’immigrazione, con risvolti comprensibilmente opposti. “Refugees Welcome” (Benvenuti rifugiati) era uno dei motti di piazza Municipio, mentre al Palace i toni su questo tema diventavano sempre più accesi. Inoltre, sempre ieri pomeriggio si è svolto nella sala del Consiglio provinciale un convegno storico organizzato da Italia dei valori, sulla “Questione del muro a Gorizia e i muri in Europa e l’Ungheria”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *