Mossa, sconfitta anche Perteole

(4 dicembre 2011 – Serie D Regionale) Mossa c’è. Vince con Perteole e respira un pò dopo aver lasciato per strada tanti punti in questo difficile avvio di campionato.
Seconda vittoria casalinga consecutiva contro una formazione tutt’altro che rassegnata, ed anzi caricata dalla vittoria la scorsa settimana con il Basket4Trieste.
Ma il punteggio finale è in parte bugiardo, almeno a giudicare da quanto si è visto nel secondo e terzo quarto, nel quale i biancoblù fanno tutto il possibile per buttare al vento un foglio rosa apparentemente già intascato.

Primo quarto da favola per Mossa in attacco, con 25 punti frutto di ottime azioni sia in contropiede sia contro la difesa schierata, bucata dalle bombe di Bressan e Davide “Prinz” Princic. Purtroppo la difesa non gira allo stesso modo, e Perteole ne segna 19 mantenendosi a contatto, grazie a Tuni e Minocci.

Nel secondo quarto le rotazioni non portano i frutti sperati, i biancorossi si avvicinano e nel finale mettono addirittura la freccia di sorpasso, raggiungendo un incredibile +3, stoppato dalla squadra di casa nell’ultimo minuto: intervallo sul 38-37 Mossa.

Il terzo periodo vede gli ospiti convinti di poter fare il colpaccio, grazie alla buona vena di Reale, mentre Tuni commette terzo e quarto fallo in un amen e Avian rimane abulico. Franco e Princic continuano a forare la retina avversaria e la partita rimane sul filo dell’equilibrio.

L’ultimo periodo però non ha storia: nella prima azione ottima difesa di Mossa che costringe Cian a un tiro da nove metri: gol.
Meno 3 per i padroni di casa ma sarà solo uno dei due canestri del quarto per Perteole: Bosini segna il -1, poi fallo e vale ancora per il “ragno”, e Mossa va sul +2.
A questo punto Prinz riprende la sua corsa verso il trentello, messo in tasca sul finire di match: Perteole non c’è più e il vantaggio cresce fino al +17 finale con i primi due punti da pro del giovane “Peppe” Petruzzellis.

Mossa c’è ma adesso la testa va a Grado, anch’essa a 4 punti dopo l’impresa di Fogliano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *