Migranti, nuovo vertice

I sindaci dell’Isontino rispondono all’appello della prefettura. Almeno per sedersi intorno al tavolo provinciale dell’accoglienza dei richiedenti asilo, che ha visto la partecipazione dei primi cittadini di Gorizia, Monfalcone, Cormons, Staranzano, Romans d’Isonzo, Savogna d’Isonzo, San Pier d’Isonzo e Turriaco. «Questi incontri si dimostrano un servizio utile e consentono uno scambio continuo di informazioni tra comuni e prefettura» ha commentato il vice prefetto vicario di Gorizia, Antonino Gulletta, «un aspetto fondamentale che offre la possibilità di ripetere comportamenti virtuosi, anche se a sposare i progetti di accoglienza diffusa nell’Isontino sono attualmente appena 9 comuni su 25. Dove sono presenti centri di accoglienza diffusa, questi stanno dando dei buoni risultati, i richiedenti asilo riescono a integrarsi e vengono coinvolti in attività socialmente utili, ma c’è anche chi è riuscito a trovare lavoro». Ad oggi in provincia di Gorizia sono presenti 870 richiedenti asilo, di cui a Gorizia 96 nell’hub del San Giuseppe e 253 nelle strutture gestite dal “Mosaico”, senza contare i fuori convenzione, 500 a Gradisca, 18 a Savogna, 16 a Romans, 15 ciascuno a San Canzian e Cormons, 5 a San Pier e 12 a Turriaco, i più recenti. Inoltre, all’incontro promosso dalla prefettura isontina, hanno partecipato anche i sindaci di Monfalcone e Staranzano, che hanno presentato un progetto Sprar per un totale di 20 posti, che risultano al momento occupati solamente per metà. Già fissato il prossimo incontro del tavolo, che si riunirà il prossimo 27 aprile. Nel frattempo sta proseguendo il lavoro della commissione che ha il compito di valutare le quattro offerte ammesse al bando accoglienza, presentate dal consorzio di cooperative “Il Mosaico”, che a Gorizia ha in gestione il Nazareno e il villaggio del San Giuseppe, dall’associazione Betlem, dalle Acli di Pordenone e dal Consorzio italiano di solidarietà – Ufficio rifugiati onlus di Trieste. La commissione sta procedendo con la valutazione delle offerte tecniche, alla quale seguirà quella delle offerte economiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Migranti, nuovo vertice"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *