Meno freddo ma instabilità

La primavera non vuole ancora manifestarsi in tutta la sua bellezza. Le prossime, infatti, saranno giornate all’insegna dell’instabilità, secondo l’Osmer-Arpa, con un deciso peggioramento che avrà il suo culmine tra mercoledì e giovedì. In risalita comunque le temperature che nei giorni scorsi hanno provocato danni alle viti, agli alberi da frutto e agli ortaggi. Quella di oggi dovrebbe essere una giornata discreta con cielo poco nuvoloso su pianura e costa e variabile in montagna dove dal pomeriggio non sono escluse deboli piogge locali. Domani cielo prevalentemente nuvoloso con possibilità di qualche debole pioggia sparsa, più probabile a est e sui monti. Possibili comunque temporanee schiarite. Martedì, il 25 aprile la fine del lungo ponte, cielo variabile sulla costa dove prevarranno le schiarite, e dove dal pomeriggio soffierà vento da sud sostenuto. In montagna cielo coperto con probabili piogge deboli o moderate. Locali piogge potrebbero interessare anche la pianura e di primo mattino pure la costa. La giornata peggiore dovrebbe essere quella di mercoledì: al mattino qualche pioggia sparsa e dal pomeriggio marcato peggioramento. Sulla costa ancora vento forte da sud e piogge da deboli a moderate. Piogge intense, invece, in montagna con quota neve oltre i 1.700 metri. Precipitazioni abbondanti in pianura e molto intense sulle Prealpi. E non si intravvedono miglioramenti nemmeno per giovedì.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *