Maltempo, notte da dimenticare

Allagamenti e auto intrappolate. Non c’è stato un momento di pausa questa notte per i Vigili del fuoco a causa del forte maltempo che stanotte si è scatenato su Gorizia e l’Isontino. Tre ore di interventi quasi ininterrotti, dalle 23 alle 2 del mattino, con i danni più gravi nel monfalconese, tra la città dei cantieri, Staranzano e Ronchi. Qui infatti la pioggia torrenziale ha causato diversi allagamenti in strade, scantinati e sottopassaggi, richiedendo due interventi piuttosto delicati per spostare alcune persone da zone potenzialmente a rischio. Entrambi episodi verificatisi in strada, il primo a Ronchi all’altezza del “Bennet” e il secondo al sottopassaggio di Staranzano, dove si è verificato un incidente nel mezzo dell’allagamento. A Gorizia allagamenti un po’ in tutta la città, da Piedimonte a Casa Rossa, registrando qualche danno ma nessuno grave. Tranquilla invece, almeno lungo il corso italiano, la situazione dell’Isonzo che non ha richiesto durante la notte particolare attenzione, arrivando ai livelli di attenzione ma non di allarme. Ma la situazione non sembra destinata a migliorare. Ulteriormente prolungata infatti l’allerta maltempo: da ieri pomeriggio e per 48 ore. È stata diramata dalla Protezione civile essendo previste “precipitazioni diffuse e intense, accompagnate da grandinate, fulmini, e forti raffiche di vento”. Si tratta di una allerta legata a possibili problemi di carattere idrogeologico. Già da ieri infatti, si sono registrati i primi allagamenti, caduta massi, e fiumi ingrossati. Il maltempo ha colpito particolarmente la Carnia e la conca Tolmezzina, nonché la Valcellina che per l’ennesima volta è rimasta isolata per la concomitante esondazione del Varma e del Cellina. Mareggiate lungo la costa e alta marea a Trieste che ha allagato alcuni stabilimenti balneari. E il maltempo, anche piuttosto forte, dovrebbe durare fino a venerdì compreso. Sabato e domenica ancora pioggia ma più debole. Temperature in calo sia le minime, sia le massime. Secondo i modelli, lunedì dovrebbe arrivare un’altra perturbazione piuttosto forte. Staremo a vedere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *